La reputazione online: cosa è, come costruirla e preservarla

Utilizzando il web ogni giorno e per gli scopi più disparati, dalle ricerche personali ai social networks, lasciamo traccia di noi in ogni dove e Google ormai “parla di noi”, ha ed avrà sempre tutte le informazioni che ci riguardano: il web non dimentica.

Quindi la reputazione online cos’è nello specifico?

Facendo una ricerca su Google, tutte le informazioni che ne derivano contribuiscono a creare un’opinione di noi negli altri, sia a livello personale sia lavorativo: così nasce la reputazione online.

Questo è un fattore sempre più rilevante nella vita di ciascuno di noi. Infatti, è molto frequente ricercare informazioni sul web su manager o datori di lavoro non solo a livello professionale, ma anche e spesso nelle relazioni personali.

La nostra reputazione, quindi, ad oggi passa soprattutto attraverso l’online, e in una società basata sulla connessione costante, la reputazione è un elemento imprescindibile da creare in modo adeguato e da curare giorno dopo giorno.

È il nostro biglietto da visita per tutti coloro che ricercano informazioni su di noi sul web per cui è fondamentale essere totalmente consapevoli di quello che pubblichiamo, postiamo o condividiamo sul web e pertanto, è un elemento da far crescere quotidianamente.

La reputazione online, però, è anche il frutto di tutte le conversazioni online tra i vari utenti e che esprimono un’opinione su di noi, su un prodotto o su un servizio.

Essenzialmente per rispondere alla domanda la reputazione online cosa è: si tratta dell’immagine finale, e più in generale dell’idea, che si ottiene dopo aver analizzato i risultati della ricerca sul web.

Una nuova identità nell’era 2.0

In seguito all’avvento delle nuove tecnologie e all’utilizzo sempre più massiccio delle stesse, al fianco dell’identità personale, si sono create le cosiddette identità digitali, la cui definizione è stata data dal Decreto SPID, che lo definisce “rappresentazione informatica della corrispondenza biunivoca tra un utente ed i suoi attributi identificativi, verificata attraverso l’insieme dei dati raccolti e registrati in forma digitale”.

In questo modo, oltre all’identità digitale e reputazione, nasce una vera e propria “persona digitale”.

L’identità digitale rappresenta un bene giuridico nuovo ma distinto rispetto all’identità personale.

Come gestire l’identità digitale e la reputazione?

Attualmente il web rappresenta una vetrina e un modo efficace per creare il proprio personal branding, e, di conseguenza, l’identità digitale e reputazione online.

L’obiettivo principale di questa attività è quello di creare un’opinione positiva su una persona, un prodotto o un servizio agli occhi degli utenti che effettuano delle ricerche.

La reputazione e l’identità digitale sul web hanno evidenti, e spesso pesanti, ripercussioni sulla vita reale: essere in grado di gestirle nel miglior modo possibile è, quindi, fondamentale.

La prima regola, e la più importante, per gestire in modo ottimale la propria identità digitale e reputazione consiste nel tenere sempre a mente che tutto ciò che viene postato sul web è visibile ad un numero di utenti enorme e quindi diventa di pubblico dominio.

La normativa italiana definisce la lesione, comprendendo anche il furto, dell’identità digitale come un fenomeno criminoso prodromico alla commissione di ulteriori illeciti, che si articola in diverse fasi, ovvero: l’ottenimento delle informazioni personali della vittima, l’interazione con le informazioni personali, che consiste nel possesso e nella vendita di tali dati, e l’utilizzo delle informazioni personali illecitamente ottenute per commettere ulteriori reati, non necessariamente contro il patrimonio, ma anche ad esempio diffamazioni o minacce.

È possibile monitorare e gestire la propria identità digitale e reputazione attraverso diverse metodologie.

Primo fra tutti controllare costantemente cosa si dice su di noi sul web.

Un utile e funzionale strumento, oltre ai tantissimi altri tools presenti ad oggi, è Google Alert, che avvisa ed “allerta” simultaneamente gli utenti qualora vi sia una menzione online che li riguarda e che merita di essere visionata per verificarne l’autenticità.

Iscriviti alla newsletter

Ricevi i nostri consigli per non commettere errori nel Mondo moderno.
Newsletter

Ricerca un Argomento su Workengo.it