La tua immagine sul web è in pericolo?

Henry Angeles: un graphic designer che ha scelto l’Italia

Presentati. Cosa dovremmo sapere di te? che tipo di professionista sei? di cosa ti occupi?

Sono Henry Angeles, un senior graphic designer, illustratore di moda e fashion designer.

Al momento sono uno studente a tempo pieno a Roma che frequenta un corso di alta sartoria  anche detta alta moda.

Henry Angeles - Graphic designer

Qual è il tuo background? Come sei arrivato dove sei ora?

Sono fondamentalmente un grafico freelance da oltre 20 anni, ho lavorato a Manila, Singapore, Thailandia e Dubai.

Negli ultimi 6 anni ho lavorato a Dubai come graphic designer per prestigiosi marchi immobiliari globali come Sotheby’s e Knight Frank.

La mia passione per la moda è stata la cosa principale che mi ha portato in Italia.

Cosa vuol dire per te il Mondo Moderno?

Mondo moderno per me significa tecnologia (ovviamente) e velocità.

Riguardo al concetto di Velocità, si intende sempre di più il valore del tempo, non si passa troppo tempo a lavorare su qualcosa che normalmente dovrebbe essere fatto in minor tempo del solito, a patto di avere già tutte le opzioni possibili per produrre un lavoro di qualità nel minor tempo possibile.

La velocità, come detto, lascia anche il posto a quella che chiamiamo “qualità del tempo” che diamo a noi stessi e ai nostri cari.

Lavoriamo pure ma non dovremmo dimenticare di vivere, questo per me è il senso del mondo moderno.

Henry Angeles - Graphic designer

Perchè l’Italia? perchè Roma?

Quando penso alla moda mi viene in mente solo l’Italia.

Sono stato a Roma qualche anno fa e me ne sono innamorato.

All’inizio Milano era la mia prima scelta, ma come dice il proverbio, “tutte le strade portano a Roma” e credo che nel mio caso sia vero.

Roma non è sempre la migliore a cui pensare quando si parla di moda, ma qui sono circondato da storia ed arte, ed è semplicemente pittoresco e molto creativo.

Ed eccomi qui a fare un passo alla volta, a cucire il mio nuovo percorso professionale da Roma come studente di moda.

Domanda di rito: come spiegheresti alla tua nipotina di 4 anni cosa fa un Graphic Designer?

Oh, mi fa sembrare davvero vecchio haha.

– Bene, cara nipote, se vedi un foglio di carta e tutto quello che vedi sono solo parole e stampato in nero, ti piacerebbe? Vuoi avere una grande voglia a finire di leggerlo?

Bene cara, ecco che arriva il grafico che trasforma quel foglio di carta in qualcosa di colorato e divertente da leggere.

È così che lavorano i grafici. Diamo vita a materiali noiosi, diamo vita a parole e idee in formato cartaceo o online.

Così la prossima volta che vedete qualcosa di noioso, pensate a noi grafici, noi salviamo i documenti morti e diamo loro vita.

Henry Angeles - Graphic designer

Descrivi le tue 24 ore da Graphic Designer

Studio i requisiti del progetto, lo leggo bene, più e più volte.

E’ molto importante capire bene il briefing.

Se ho delle domande, comunico con il cliente.

Di solito lavoro di notte, ma di questi tempi posso lavorare in qualsiasi momento.

Ascolto musica, guardo molti vlog su Youtube; amo l’energia che questi media mi danno e che trasferisco al mio lavoro.

Presento le cose in tempo, così il cliente tornerà per i progetti futuri.

Produco sempre il lavoro nel minor tempo possibile, sono noto per la velocità e sono ancora in grado di consegnare lavori di buona qualità.

Il caffè è un elemento essenziale per me, quando cerco di viziarmi mentre lavoro, aggiungo delle patatine fritte hehe 🙂

Quali sono i tuoi strumenti di lavoro preferiti e perchè?

Adoro Adobe Illustrator, sono un fan dell’arte vettoriale.

Ero nuovo dell’illustrazione vettoriale e sono rimasto così stupito da quanto si può ingrandire l’immagine ad altissime risoluzioni.

Ho creato delle infografiche con Illustrator e le più complicate per me credo siano state le mappe delle città.

Un progetto molto complesso che ricordo è stato la creazione della mappa di Dubai. Lo ho realizzato in 6 mesi e la complessità sta nel riprodurre fedelmente tutte le strade principali, punti di riferimento e aree future.

Per me Adobe Illustrator è solo un regalo per tutti noi  illustratori.

Quanto conta il cambio di cultura nel tuo lavoro?

La cultura influenza anche il lavoro, ci sono progetti che possono essere accettabili per alcuni ma nemmeno sufficienti altri.

La differenza culturale è importante anche per migliorare le proprie conoscenze creative, perché si scopre come altre culture esplorano la loro creatività con il loro insieme di credenze e tradizioni.

Un esempio è Dubai, una metropoli araba. Ogni anno, durante il mese santo del Ramadan, dovevo preparare un progetto che sarebbe stato il nostro mailer per i clienti dell’azienda; ciò doveva essere tematico ed allo stesso tempo artistico.

Le potenti icone normalmente utilizzate per il design del Ramadan sono la moschea, le lanterne e la mezzaluna; queste tre devono essere presenti per far capire a tutti che si celebra il mese santo e con questa limitazione di design, mi ha protato ad esplorare nuove soluzioni.

Sono riuscito a creare qualcosa di nuovo ed interessante che ha reso il nostro design diverso dalle altre aziende.

Henry Angeles - Graphic designer

Hai imparato l’Italiano? se si in che modo? quali consigli daresti?

Non ho studiato l’italiano prima di venire qui. Conosco poche parole.

Tornato a casa nelle Filippine, ho praticato con degli amici italiani che sono espatriati in una provincia vicino a Manila, così ho preso confidenza con alcune parole.

Ho anche incontrato alcuni simpatici romani (locali) qui e mi hanno insegnato anche alcune frasi italiane.

Non c’è dubbio che Roma sia una città così bella, ma credo che se si conosce la lingua italiana allora ci si divertirebbe anocora di più.

È vero però che si può sopravvivere a Roma anche se non si parla italiano. Ci sono molte persone (per lo più giovani) che vorrebbero praticare l’inglese conversazionale, sono molto ansiosi di imparare altri accenti inglesi.

Osservo i locali per imparare ed attraverso le mie gite giornaliere a scuola, i tirocini, i supermercati e altri posti mi oriento anche grazie ad alcune assonanze con lo spagnolo.

Al momento sto usando solo un’app e il mio cervello per ricordare tutto quello che mi sento dire dalla gente intorno a me.

5 consigli che daresti ad un giovane come te che vuole trasferirsi in Italia per lavorare.

1) Avere una pelle più spessa, si può piangere ma non farlo troppo e vai avanti.
2) Abbiate pazienza, un nuovo paese, una nuova cultura, nuovi modi. Le cose richiedono tempo.
3) Capire. Per quanto vorreste essere capiti, fate la stessa cosa per loro.
4) Comunicare anche senza la lingua. Sorridi quando puoi e fa meraviglie.
5) Nonostante le difficoltà, godetevi ogni momento. Potrebbe essere difficile  ma una volta che lo fate, vedrete la magia. Vivi il momento presente.

Cosa hai imparato dalle tue esperienze fuori dall’Italia e cosa invece nella tua esperienza italiana qui?

Ho imparato ad avere pazienza, essere troppo sensibile con le emozioni non ti farà bene.

Concentrati sui tuoi obiettivi e ricordati sempre il motivo per cui ti trovi in quel luogo.

Ho imparato a guardare il lato più luminoso delle cose.

L’ultima volta ho raccontato una storia vera a un locale su una mia esperienza in metropolitana.

La maggior parte delle persone sta lontana da me e se sono vicino, cercano di proteggere le valigie come se volessi rubarle.

Su questo ho fatto una riflessione positiva “Se pensano che potrei essere un sospetto, allora non mi verrebbe mai rubato nulla”. Hahaha.

So che è divertente.

Ho incontrato anche gente simpatica del posto, mi hanno persino invitato a casa loro e hanno cucinato un sacco di cibo per me.

Erano così ansiosi di farmi fare un giro e di presentarmi l’ospitalità romana, di essere gentili ed interessati a fare amicizia con altre nazionalità.

Roma mi sorprende ancora oggi, e la trovo bella.

A Dubai invece, ho imparato a mangiare lo shawarma, che è diventato il mio cibo da asporto ogni volta che ho fretta o non posso cucinare, a Roma la pizza o la cena risolve la mia fame.

Il tuo motto / citazione preferita?

Lavora ma non dimenticare mai di vivere e di amare, perché sei umano.

Qual è la mission che ti sta più a cuore in questo momento?

Come artista, voglio produrre opere che possano ispirare anche gli altri.

Ho un cuore tenero per gli animali e per la povera gente.

Ho sempre sognato di migliorare la mia situazione per poter condividere di più con la società.

Vorrei fare la differenza nella vita degli altri, naturalmente in modo molto positivo.

Lascia un messaggio a chi in questo momento sta pensando di cambiare paese per lavorare.

Segui il tuo cuore. Ma prima di farlo, pensa bene, chiedi dei segni. Poi segui il tuo cuore. Niente va storto se si segue la propria passione.

C’è qualcosa che non ti abbiamo chiesto e che vuoi aggiungere?

Se c’è una cosa che vorrei aggiungere qui, non dovremmo mai dimenticare di sognare, e sognare sempre in grande.

Sono ancora lontano dalla mia meta, e sono solo all’inizio del mio viaggio, ma non smetterò mai di godermi il momento e di vivere il momento presente.

Ci possono essere difficoltà, ma ci sono anche momenti più grandi.

“La dolce vita” non è a buon mercato dopo tutto.

Per contattare Henry Angeles clicca qui.

Miglior risposta sull'Argomento
5/5
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Iscriviti alla newsletter

Ricevi i nostri consigli per non commettere errori nel Mondo moderno.
Newsletter